ANATOMIA DEL COMPUTER: LE 10 COMPONENTI BASE DA CONOSCERE PER ACQUISTARE UN PC

ANATOMIA DEL COMPUTER: LE 10 COMPONENTI BASE DA CONOSCERE PER ACQUISTARE UN PC

Ad oggi la maggior parte delle persone utilizza dispositivi digitali che consentono di essere interconnessi con il mondo. Questa continua crescita nell’utilizzo di prodotti come computer, tablet o smartphone è dovuta dalla spinta della globalizzazione e la continua necessità di informazioni aggiornate in tempo reale.

dddAd oggi la maggior parte delle persone utilizza dispositivi digitali che consentono di essere interconnessi con il mondo. Questa continua crescita nell’utilizzo di prodotti come computer, tablet o smartphone è dovuta dalla spinta della globalizzazione e la continua necessità di informazioni aggiornate in tempo reale.

LE 10 COMPONENTI BASE DA CONOSCERE PER ACQUISTARE UN PC

I PC hanno svolto un ruolo fondamentale per consentire alle aziende di passare rapidamente al digitale o ai lavoratori di continuare a svolgere le proprie mansioni in remoto. Telelavoro e didattica a distanza hanno generato un boom di richieste nel mercato dei computer, per questo le vendite mondiali sono aumentate del 13,1% nel 2020, superando i 300 milioni di unità.

Ma sulla base di quali criteri vengono selezionati i PC da utilizzare nelle attività aziendali? Tutti gli utenti che utilizzeranno questi dispositivi sanno distinguere le differenze nelle componenti?

Per poter rispondere a queste domande è utile conoscere l’anatomia di base di un computer, specialmente per non trovarsi impreparati nel caso in cui si danneggiasse una delle componenti interne e fosse necessario cambiarla. L’obiettivo e quello di far capire agli utenti che non è sempre necessario cambiare un computer nel caso alcune funzionalità vengano meno e in altri casi che siano necessarie delle implementazioni che richiedono, per esempio, più potenza grafica, di calcolo o di memoria.

Quindi quali sono le 10 componenti di base da analizzare che compongono un computer?

1. MAINBOARD (SCHEDA MADRE)

La scheda madre rappresenta il cuore del computer: è la scheda elettronica principale che riceve tutti gli input elettronici, li elabora e restituisce output tra i vari componenti interni principali del PC (CPU, memoria e le altre schede elettroniche montate o alloggiate sopra).

È responsabile della trasmissione e temporizzazione corretta di molte centinaia di segnali diversi, tutti ad alta frequenza e sensibili ai disturbi, tra processore e periferiche interne e viceversa. La sua buona realizzazione è un fattore chiave per le prestazioni e l'affidabilità dell'intero computer

2. CPU (UNITA' DI LAVORO O POCESSORE)

La CPU o Central Processor Unit (unità centrale di elaborazione) è il cervello del nostro computer, in quanto elabora tutti i dati ed esegue i conti quando necessario. Essa è formata da uno o più “chip”. Ogni chip (o circuito integrato) è un componente con connettori metallici e collegamenti interni, costituito principalmente da silicio.

Il suo compito è quello di individuare ed eseguire le istruzioni del programma prelevandole dalla memoria, ed effettua le operazioni aritmetiche (quali addizioni, sottrazioni, moltiplicazioni e divisioni) e logiche (quali AND , OR, NOT).

Nella scelta di una CPU bisogna sempre tenere in considerazione tre parametri

  1. Clock del processore: Il clock del processore è la frequenza a cui questo viaggia. Oggi la maggior parte dei processori lavora tra 2.6Ghz e 3.5Ghz, con delle eccezioni per quanto riguarda elaborazioni più complesse che arivano fino a 4.6Ghz
  1. Numero di Core: Il numero di core è fondamentale per l’elaborazione dei dati. La maggior parte delle applicazioni sfruttano al massimo 4 core, quindi è importante che la CPU ne abbia lo stesso numero come base iniziale. 
  1. Cache del processore: La cache del processore rappresenta la quantità di informazioni che la CPU può tenere in memoria senza dover ricorrere alla RAM. Un buon processore deve avere una cache tra 4 e 8Mb

3. UNITA' DI MEMORIA (RAM E ROM)

La memoria centrale è costituita da RAM (Random Access Memory) e ROM (Read Only Memory).

La RAM è una memoria volatile che immagazzina tutte le informazioni che sono necessarie al processore e ai vari programmi quando vengono aperti in modo che siano subito avviati appena vengono richieste. Essa necessita di una alimentazione elettrica continua, al fine di mantenere memorizzate le informazioni. Ogni volta che il PC viene spento, tutte le informazioni contenute in essa vengono cancellate.

La RAM ha un accesso quasi istantaneo alle informazioni perché il PC non crea un file di registro con la posizione delle informazioni, questo motivo è la causa del fatto che le informazioni non posso essere salvate. Attualmente un PC di fascia media ha da 4GB a 16GB di RAM.

La ROM è un tipo di memoria non volatile in cui i dati sono memorizzati tramite collegamenti elettronici fisici e stabili e ha il compito di sola lettura delle informazioni. Le informazioni in essa registrate non si "perdono" se il computer viene disconnesso dall'alimentazione elettrica.
Nei PC la ROM è utilizzata per memorizzare il BIOS, il programma che gestisce tutta la fase di avvio del computer, fino al completo caricamento del Sistema Operativo.


4. HARD DISK O SOLID DISK (HDD O SSD)

Un hard disk drive (disco rigido o HDD), è un dispositivo di memoria di massa di tipo magnetico che utilizza uno o più dischi per l'achiviazione di dati ed applicazioni (file, programmi e sistemi operativi).

È una componente fondamentale per tutti i computer perché contiene tutti i dati, sensibili e non, presenti sul dispositivo e consente agli utenti di poter ricostruire una copia identica su un dispositivo differente nel caso quello principale fosse danneggiato. Con lo sviluppo della tecnologia informatica, gli stessi hard disk stanno venendo sostituiti dai più recenti e veloci, ma anche più costosi, solid state disk (unità a stato solido o SSD).

Perché è un bene passare da un HDD ad un SSD?

Il disco a stato solido ha una longevità, affidabilità e resistenza maggiore rispetto ai più vecchi Hard disk e consente un accesso quasi istantaneo con tempi di risposta inferiori a 1ms, oltre che ad una velocità di lettura e scrittura parecchio elevati.

5. ALIMENTATORE

L’alimentatore è il polmone del computer, perché ha il compito di fornire la corrente necessaria alle componenti che necessitano di alimentazione elettrica. È fondamentale che sia un elemento di qualità, perché deve rendere lineare l’afflusso di corrente ed evitare il rischio di bruciare alcuni componenti.

Il parametro principale da tenere in considerazione nella scelta dell’alimentatore sono i watt massimi che può fornire. Attualmente un Personal Computer di fascia media monta un alimentatore che va dai 500W fino ai 750W. Un altro aspetto da tenere in considerazione è la certificazione energetica dell’alimentatore, cioè la sua efficienza nel fornire corrente al computer, perciò più un alimentatore è efficiente meno corrente disperde al suo interno.

6. GPU (SCHEDA VIDEO)

La scheda video ha lo scopo di elaborare il segnale video, ovvero generare, a partire da un segnale elettrico in ingresso dal processore, un determinato segnale elettrico in uscita che possa essere poi inviato in input a display o monitor per essere tradotto in un segnale ottico visivo e mostrato all'utente.

Una tipica scheda video contiene un integrato grafico, o più di uno, che gestisce una certa quantità di RAM dedicata a memorizzare i dati grafici da visualizzare e che si colloca fisicamente sulla scheda stessa.

 

7. VENTOLE

Le ventole sono le componenti che consentono il raffreddamento di base del computer. Lo scopo principale è quello di creare un flusso d'aria che circoli nella maniera più ordinata possibile all'interno del case in modo che aiuti i dissipatori della CPU e della GPU a lavorare al meglio.

8. SISTEMA DI RAFFREDDAMENTO A LIQUIDO

L'impianto di raffreddamento a liquido consente il raffreddamento immediato delle componenti installate nel computer. Questo sistema viene implementato specialmente pe computer di grafica, programmazione o gaming che necessitano di molta energia e quindi generano molto calore che va dissipato.

È una componente aggiuntiva ma consigliabile da installare del caso si effettui una delle attività riportate sopra, perché molto efficiente e abbastanza silenzioso. È anche molto costoso quindi è meglio installarlo solo se si ha una vera necessità e lo si sfrutta.

 

9. UNITA' OTTICA

L’unità ottica è il lettore DVD/Blu-ray ed ha il compito di leggere i codici dei programmi presenti sui CD-ROM o DVD e di installarli sul computer. Con il tempo questa componente sta perdendo importanza, in quanto la maggior parte dei programmi viene scaricata dal web. Rimane comunque utile per l’installazione del sistema operativo, che non può essere scaricato tramite periferica virtuale, in quanto va avviato dal BIOS della scheda madre perché il computer risulta vuoto.

 

10. SCHEDE PCI AGGIUNTIVE

Le schede PCI sono componenti aggiuntive del computer. Ne esistono di diversi tipi in base alle differenti esigenze di lavoro. Si va dalle schede più strane come quelle per il telefono e la televisione fino a quelle più comuni come le schede USB, SATA, wireless, audio e via così. Oggi però tutte queste schede non sono fondamentali come una volta perché la scheda madre ha già molte di queste funzioni al suo interno.

ACQUISTARE UN PRODOTTO AFFIDANDOSI AGLI ESPERTI DEL SETTORE

Acquistare o riparare un PC non è una cosa semplice al giorno d’oggi, perché esistono varietà di formati e dimensioni, oltre alle piccole differenze delle singole componenti che possono determinare esperienze di lavoro completamente differenti.

È interessante notare come solo per il settore dei computer portatili esistono differenti tipologie tra notebook, netbook, ultrabook, workstation e via così. La scelta di un nuovo PC non può quindi essere demandata all’utente finale o al responsabile degli acquisti ma deve essere guidata dalla collaborazione di un professionista del settore, specialmente nel caso in cui il prodotto venga utilizzato per scopi lavorativi.

Va considerato che non si tratta di un investimento a breve termine: la durata media di un PC si aggira sui 3 – 4 anni, durante i quali deve essere sempre funzionante, possibilmente mantenendo le stesse prestazioni o leggermente inferiori di quando è stato acquistato. È infatti proprio sul lungo periodo che si scopre la qualità dell’investimento: un buon acquisto, nell’arco di vita media di un computer, non dà problemi, è sempre brillante e supporta anche i software di ultima generazione senza subire eccessivi rallentamenti e senza aver bisogno di assistenza tecnica.

Il nostro invito è quello di farvi consigliare da un professionista, che vi indichi il prodotto adatto alle vostre esigenze sulla base dei parametri da rispettare imposti dall’infrastruttura digitale adottata dall’azienda e di evitare assolutamente i sotto-costo sui centri commerciali o siti web.


MAT Technology| Infomatica e servizi - Parma (PR)